Il gratta e vinci della spiritualità (prima parte) [Relazioni Dinamiche]

il gratta e vinci della spiritualità

Perché la spiritualità è per molti il gratta e vinci della vita?

Mi è venuta in mente questa frase un giorno mentre riflettevo su una storia che mi ha raccontato un’amica.

In sintesi: questa persona ha un figlio che manifesta un sintomo, in questo caso è la bulimia ma, per quello che riguarda questo articolo, potrebbe essere qualsiasi altro sintomo, problema o difficoltà.

Con mio grande stupore il seguito della storia è stato  a dir poco spiazzante

perchè di fronte alle domande:

“hai cercato di capire l’origine di questo disagio”?
“il padre è presente o  assente?”
“com’è la relazione di coppia?”
e altre domande più o meno simili per indagare un po’ il contesto relazionale nel quale si è generato il sintomo

mi sono sentito rispondere:

“il padre è assente, abbiamo portato il ragazzo in psicoterapia e io ho iniziato un percorso spirituale fatto di meditazione, yoga e recitazione di alcuni mantra.

il gratta e vinci della spiritualità

Ora sia chiaro, io faccio il Coach e non mi occupo di curare dei sintomi, ma posso occuparmi del contesto nel quale il sintomo s’è generato, che spesso è anche la scelta più saggia, perché agire sul sintomo può creare acora più problemi.

Ma torniamo alla nostra storia: perché sostengo che la spiritualità è come un gratta e vinci per la vita?

Mettiamo che hai un grosso debito da pagare, che cosa fai?

Credo che per prima cosa c’è da essere consapevoli di come s’è generato, poi si cercheranno delle soluzioni per provare ad estinguerlo, giusto?

A nessuno verrebbe mai in mente di affidarsi alla fortuna e buttarsi sul  gratta e vinci sì,  può anche essere che ogni tanto tenti la fortuna, perché no, ma nel frattempo sarebbe meglio adottare una strategia più seria, diciamo così.

Allora perché se nella vita hai un “debito”, come un problema con un figlio, con un partner, con il datore di lavoro, con un dipendente o un collega e, a maggior ragione, con te stesso, pensi di poterlo “pagare” meditando, con la frequenza del grande OHM o con le vibrazioni di un mantra?

Allora perché c’è questa corsa alla spiritualità: cosa sta succedendo?

il gratta e vinci della spiritualità

Io una mia idea c’è l’ho bella chiara ma la esporrò nel prossimo articolo perché prima voglio affidarti a chi ne sa più di me, per questo metto il link a questo articolo di Fabiana Fondevila citato su Jung Italia.

In sintesi l’articolo spiega molto bene come la sete di spiritualità sia, o possa essere, sovente, una fuga dalla profondità dell’esperienza umana, che viene chiamata bypass spirituale.

Lo psicoterapeuta Robert Masters nel suo libro ‘Bypass Spirituale’ scrive:

“Quando la Spiritulità ci sconnette da quanto è veramente importante dice che la nostra difficoltà a tollerare e far fronte alla nostra ombra personale e collettiva è la spinta che ci conduce a cercare la spiritualità come rifugio o soluzione facile ai nostri problemi.

il gratta e vinci della spiritualità

In questo caso, le Pratiche o ciò in cui crediamo non aiutano ad elevarci ma soltanto ad evitare il faticoso transito dentro l’esame di noi stessi e l’auto osservazione, a zittire la voce interiore che ci dice che qualcosa non va, a nascondere sotto il tappeto i conflitti e le difficoltà che chiedono di essere affrontati.”

Nell’articolo si fa riferimento sopratutto alla conoscenza di se stessi o consapevolezza,  ma lo stesso discorso è valido per tutte le relazioni e così torniamo all’inizio: se ho delle cose che non vanno in famiglia, con un figlio, con il partner o con un genitore e cerco di risolverli solo attraverso un cammino spirituale allora forse ci tornano buone le parole di Masters “…rifugiosoluzione facileevitarezittirenascondere…”

il gratta e vinci della spiritualità

L’articolo è volutamente provocatorio perchè non sono contro la spiritualità o contro i cammini di consapevolezza a prescindere anzi, li ritengo molto utili solo e solo se sono accompagnati anche da un approccio che aiuti ad andare dentro le storie invece di allontanarsene.

L’articolo è finito, spero che ti sia piaciuto, che ti abbia anche smosso delle cose e che ti abbia incuriosito.

Se fosse così allora nel prossimo potrai sapere più nel dettaglio la mia idea sulla spiritualità  e su come trovare una strada per occuparci delle situazioni senza allontanarcene.

Se vuoi commentare o condividere l’articolo sei il benvenuto, se vuoi approfondire puoi iniziare da questo link a Relazioni Dinamiche.

Paride.