Cerchio Olistico Dinamico: Attivazione per potere personale

Cerchio Olistico Dinamico: Attivazione per potere personale

Questa presentazione è suddivisa in 3 parti, alla fine di ognuna trovi istruzioni e contatti, così puoi leggere l’essenziale ( parte centrale ) o tutto il resto se ti piace leggere e vuoi conoscere meglio i presupposti o i perchè che sostengono questo progetto.

→ Prima parte.

⭕️Il flusso di energia che attraversa un organismo assomiglia un po’ allo scorrere di un 💧fiume che fluisce placidamente ma che di tanto in tanto precipita in una 💦cascata, liberando una parte dell’energia ⚡️che contiene” ( Prigogine: premio Nobel per la Fisica ).

Tutte le serate avranno come filo conduttore almeno due aspetti: il lasciar andare/arrendersi/mollare e il liberare l’energia stagnante.

Prigogine dice bene, ma la situazione più comune è che viviamo compressi con l’energia che scorre poco e altrettanto poco precipita in una cascata.

É come se il fiume fosse ostruito da una diga: il lavoro, le relazioni e tanti altri aspetti, sono blocchi al naturale scorrere dell’energia.

Non ci sentiamo stanchi perché non abbiamo energia, ma perché l’energia è bloccata, ferma e stagnante.

Possiamo sentirci in balia degli eventi, sempre a correre dietro a questa o quella cosa, demotivati e senza slanci di nessun tipo, se non rincorrere soluzioni magico/virtuali che ci diano un pò di sollievo.

🔌L’energia, a dire il vero, non è bloccata di suo, come potrebbe, ma siamo noi che diventiamo sempre più rigidi per tenerla sotto controllo, perché l’energia è sballante e, se non sei abituato, magari è troppo.

Sai perché tendiamo a bloccarla?

Perché l’energia è sinonimo di vita e può portare con se anche aspetti spiacevoli, ma noi siamo progettati per non sentire dolore, più che per andare verso il piacere: per non sentire dolore la blocchiamo.

❌L’energia bloccata limita la nostra vitalità, e questo è ovvio, ma limita anche la nostra personalità, la nostra espressività e la nostra capacità di navigare la vita come individui unici e irripetibili.

Per fortuna le nuove generazioni sono più libere in questi aspetti anche se c’è ne sono altri nei quali sono carenti, ma noi vecchietti 😜 siamo bloccati dalla diga e l’acqua ristagna.

Io trovo paradossale, se non peggio, che persone così compresse dalla giornata o dalla vita si comprimano ancora di più in attività statiche.

Osho aveva intuito, e io sono con lui, che se vogliamo entrare in meditazione abbiamo prima bisogno di smuovere l’energia bloccata ed è per questo motivo che il cerchio sarà, in prevalenza, dinamico.

E che c…o, uno sta tutto il santo giorno a testa bassa e la sera o il we ci forziamo ancora a stare compressi?

Per me non ha senso.

Ma non è tutto, infatti non ci accontentiamo di finire la serata meditando, ma vogliamo prima utilizzare l’energia sbloccata per manifestare la nostra specifica personalità.

Nella prima parte sbloccheremo, almeno in parte, l’energia bloccata in qualche stato emotivo contingente o persistente; oppure saranno proposti temi sui quali riflettere prima di iniziare la parte dinamica.

Istruzioni e informazioni:

* Orario: 20:30 si inizia puntuali perché il cerchio dura due ore o forse più e non possiamo iniziare in ritardo.
* Vestirsi comodi, si lavora senza scarpe, portare un tappetino ( ma qualcuno in più c’è ), copertina se pensi di averne bisogno e se hai una benda per gli occhi, portala.
* NON seguire la mappa di Facebook: GPS- via Borgone 15/d ( presso metro monte grappa)
* saranno ammesse non più di 12 persone, per più di due ore di lavoro, per un contributo consapevole di 15e a copertura dei costi della sala e per il lavoro del conduttore.
* Agevolazione per studenti e Under 30: 10e
*Coppie: 25e a coppia

* Prenota il tuo posto entro il 🔴giorno prima dell’evento
* via sms o whatsup : 3332208735
* via mail a: drumandcoach@effettozen.com o coaching@effettozen.com

→ Seconda parte ( essenziale )

Ogni Cerchio sarà come un rito di iniziazione ed ogni rito che si rispetti ha, come suo fondamento, che si faccia morire l’equilibrio precedente: altrimenti come fai ad iniziare qualcosa di nuovo?

L’adolescente deve morire a se stesso per poter diventare adulto, questa immagine l’abbiamo tutti chiara credo, ma è solo una metafora che non andrebbe confinata solo a situazioni particolari, ma vissuta costantemente nell’ordinario.

Una precisazione, partecipare a queste serate è come andare in palestra per allenarsi, ma i veri riti vanno poi fatti nella vita ordinaria: qui ci rinforziamo e prendiamo confidenza con questi 3 passaggi fondamentali:
1) conoscere e onorare la situazione di partenza: qualsiasi essa sia;
2) Trasformare la situazione di partenza, perché in realtà nulla muore veramente, anche se è quello che noi viviamo;
2bis) attivazione del potenziale personale;
3) Integrazione.

Le serate avranno questo schema generale, ma di volta in volta potranno essere usati dispositivi e contenuti diversi.

1. Situazione di partenza / ascolto e presa di contatto
* ci sediamo in cerchio, diamo valore e onoriamo quello che c’è in quel momento: rimango sul vago perché, di volta in volta, questa prima fase potrà assumere sembianze diverse.
* di base sarà sempre e comunque un partire dalla vita che c’è: ci mettiamo in connessione e ascolto.

2. Trasformazione della situazione di partenza. / cuore del rito
* Sarai prima guidato/accompagnato ad entrarci dentro, poi a trasformarla o a lasciarla andare.
* lo faremo essenzialmente usando il corpo sopratutto ballando, spesso ad occhi chiusi, ma non sarà sempre così.
2bis. Qui ci sarà l’altro punto importante che è l’attivazione del potenziale personale: in pratica, uno alla volta, sarete invitati a “mostrarvi”, per definirvi e sopratutto per urlare al mondo, ma più a voi stessi, quanto siete fighi e potenti. Io sarò la vostra spalla e vi guiderò, ho questa presunzione, verso quella parte di te che preme per farsi vedere: non posso dire di più, se non che sarà liberatorio e, appunto, potenziante.

3. Integrazione.
* Nella trasformazione liberiamo l’energia bloccata, lasciamo andare qualsiasi cosa sia emersa nella prima fase, ci muoviamo, ci esprimiamo e cosi via.
* Adesso ci fermiamo , ci mettiamo in ascolto profondo, stesi a terra, in meditazione.
* qui ognuno integrerà quello che è emerso, ma almeno un aspetto vorrei fosse per tutti: integrare e sentire forte nel corpo, e non solo, l’attivazione del proprio potenziale personale.

Conclusioni: ogni qual volta vuoi cambiare qualcosa della tua vita serve almeno fare questi 3 passaggi, mentre noi siamo più inclini a dare valore solo all’attivazione del potenziale.

Ci comportiamo più o meno così : cerchiamo di diventare più potenti senza aver prima “ascoltato” bene la situazione di partenza e senza averla onorata prima di lasciarla andare; anche l’integrazione è un pò sottovalutata perché crediamo, ingenuamente, che quello che abbiamo voluto manifestare ci faccia stare bene, anche se spesso non è così ma preferiamo far finta di niente e illuderci del contrario.

Istruzioni e informazioni:

* Orario: 20:30 si inizia puntuali perché il cerchio dura due ore o forse più e non possiamo iniziare in ritardo.
* Vestirsi comodi, si lavora senza scarpe, portare un tappetino ( ma qualcuno in più c’è ), copertina se pensi di averne bisogno e se hai una benda per gli occhi, portala.
* NON seguire la mappa di Facebook: GPS- via Borgone 15/d ( presso metro monte grappa)
* saranno ammesse non più di 12 persone, per più di due ore di lavoro, per un contributo consapevole di 15e a copertura dei costi della sala e per il lavoro del conduttore.
* Agevolazione per studenti e Under 30: 10e
* Coppie: 25e a coppia

Date fisse: 2 martedì al mese;
per chi non potesse il martedì, dovremmo far partire anche 2 Mercoledì al mese.

* Prenota il tuo posto entro il 🔴giorno prima dell’evento
* via sms o whatsup : 3332208735
* via mail a: drumandcoach@effettozen.com o coaching@effettozen.com

→ Terza Parte.

Dopo 4 anni e più di 80 eventi facilitati a Torino, ho deciso di far morire i Drum Circle.

Decidere di far morire qualcosa è sempre un’operazione che facciamo con difficoltà e se fai qualsiasi tipo di lavoro su di te dovresti saperlo.

Nel mio lavoro da Coach insisto molto su questo punto perché molte persone non comprendono ancora bene che, se prima non chiudi, non ci sarà spazio per immettere altro.

Quello che succede è che rincorriamo il cambiamento, magari ci riempiamo la bocca sul fluire della vita e su quanto sia importante scorrere con essa, ma se ignoriamo questa legge base della vita, rischiamo di cercare soluzioni in modo bulimico e senza sosta: ognuno ha le sue.

La vita scorre perché ad ogni istante muore a se stessa per far spazio alla vita che verrà: questa è la legge che è già sotto i nostri occhi, ma non riusciamo a vederla.

Vita e morte coincidono, noi non lo vediamo e ci forziamo a stare dalla parte della vita o del positivo escludendo, di conseguenza, il negativo; questo fa sì che le soluzioni che cerchiamo, per il male di vivere, siano spesso sterili e, come ho già detto, sei costretto a cercarne sempre di nuove: una nuova tecnica, un nuovo operatore/guru/padre, una nuova relazione, e l’elenco potrebbe essere infinito.

Non so se hai letto la pagina del sito nella quale cito la storia Zen della tazza di te, ti metto il link qui sotto.

http://effettozen.com/

Posso farti un altro esempio: immagina se continuassi a comprare vestiti nuovi senza buttare quelli vecchi: dove li metteresti?

Così come non puoi pensare di mangiare, mangiare a mangiare se, con regolarità, non vai a ……

Scusami se ti ho fatto questo esempio un pò scurrile, ma così ti rimane meglio impresso il concetto: non ci sarà mai niente la fuori, ma nemmeno dentro di te, che può placare la tua sete, se prima non fai morire qualcosa.

Olistico significa intero, per questo il Cerchio prende in considerazione prima di tutto questo aspetto del fare spazio e lasciar andare.

Sia chiaro che è logico che sono rituali di allenamento, nel senso che puoi averne grandi benefici istantanei o nei giorni seguenti, ma poi andrebbero continuati a coltivare: possiamo dire che il rito serve per dirci, ancora una volta, che possiamo e che abbiamo un grande potere dentro di noi: basta di rincorrere le soluzioni magiche e se incontri il Buddha uccidilo.

Ho quasi finito, ma prima chiudo il cerchio del discorso: decidere di far morire qualcosa è l’operazione più difficile che siamo chiamati a fare continuamente ma, come dicevo all’inizio di questa sezione, tendiamo a lasciare tutto aperto: non facciamo morire i vecchi equilibri.

Io ho fatto morire i Drum Circle e solo io so quanto è stato difficile e non sapevo che cosa sarebbe nato dopo: mi sono affidato alla vita.

Lo dico sempre, servirebbe fare un lavoro individuale specifico su questo aspetto, perché dietro a questa difficoltà si nascondono i veri perché, ma per tutti vale una cosa: per chiudere e far morire serve aggressività, sana aggressività: io la chiamo personalità.

Il seme deve marcire nel terreno per poter dar vita alla pianta; il bruco idem per poter diventare farfalla; ma nè il seme nè il bruco sanno cosa gli aspetta, ma noi siamo diversi e siamo disposti a far morire qualcosa solo quando sappiamo cosa verrà dopo.

Anche quando pensiamo di sapere cosa ci aspetta dopo la chiusura di un equilibrio, poi ci scontriamo con la realtà che è spesso molto molto diversa.

Impariamo e alleniamoci a queste piccole morti e rinascite rituali, non ti cambieranno la vita: ma chi lo sa?

Sono sicuro sia comunque un ottimo allenamento per rinforzare la nostra sana aggressività, perché senza sei in balia degli eventi e degl’altri.

Istruzioni e informazioni:

* Orario: 20:30 si inizia puntuali perché il cerchio dura due ore o forse più e non possiamo iniziare in ritardo.
* Vestirsi comodi, si lavora senza scarpe, portare un tappetino ( ma qualcuno in più c’è ), copertina se pensi di averne bisogno e se hai una benda per gli occhi, portala.
* NON seguire la mappa di Facebook: GPS- via Borgone 15/d ( presso metro monte grappa)
* saranno ammesse non più di 12 persone, per più di due ore di lavoro, per un contributo consapevole di 15e a copertura dei costi della sala e per il lavoro del conduttore.
* Agevolazione per studenti e Under 30: 10e
*Coppie: 25e a coppia

* Prenota il tuo posto entro il 🔴giorno prima dell’evento
* via sms o whatsup : 3332208735
* via mail a: drumandcoach@effettozen.com o coaching@effettozen.com

⭕️Il flusso di energia che attraversa un organismo assomiglia un po’ allo scorrere di un 💧fiume che fluisce placidamente ma che di tanto in tanto precipita in una 💦cascata, liberando una parte dell’energia ⚡️che contiene” ( Prigogine: premio Nobel per la Fisica ).

Paride G.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.