Cos’è il Coaching.

Il coaching è un processo attraverso il quale vogliamo favorire  un cambiamento. 

Il coaching accelera  quindi il passaggio da uno stato attuale, considerato “problematico”, ad uno desiderato, nel quale il “problema” non c’è più.

Il coaching è focalizzato sul presente del cliente con l’intento di migliorarne il futuro e, a differenza del counselling o della psicoterapia, non si caratterizza per un atteggiamento “via da”, focalizzato sul passato e sui problemi, ma da un “andare verso” , focalizzato quindi  sul futuro e sulle soluzioni.

Un percorso di coaching ha sempre come obiettivo primario la felicità.

Come possiamo essere più felici? 

Se pensi che la felicità sia una scelta proattiva cioè, che mi posso alzare dal letto al mattino e, a dispetto di tutto, impormi di essere felice, allora non sei nel posto giusto. 

Non nego che qualche volta non lo abbia fatto anche io e ci sono anche studi che confermano che puoi “forzarti” ad essere più felice e un pò funziona, ma la vera felicità è un altra cosa. 

Fe-licità ha la stessa radice di Fe-mmina cioè colei che genera/crea cose nuove.

Quindi non è felice chi ha di più, chi ha raggiunto una posizione e si sente arrivato, così come non è felice chi sceglie di esserlo, ma è felice chi nella sua vita riesce a generare cose, ma cose nuove.

Un altro indizio lo troviamo nella lingua inglese, infatti essere fe-lici si dice happy, che rimanda a to happen, ancora una volta, sei felice se accadono cose, ma cose nuove, non sempre le stesse travestite da nuove.

Così siamo arrivati al cuore di un percorso di coaching, perchè per generare/creare cose nuove ed essere più felici sono due gli ingredienti fondamentali che ci servono: il primo è la crescita; il secondo è la libertà.

Crescere significa espandersi, fare entrare cose nuove, cose che nella vita della persona prima non c’erano. Anche qui ci viene in soccorso l’etimologia perchè crescere è il verbo incoativo di creare, significa che precede la creazione: per creare devo prima crescere; non fa una piega. 

E la libertà?

Per crescere e creare devo necessariamente essere libero o più libero:

Libero di uscire dal conosciuto.
Libero di agire nuovi comportamenti.
Libero di pensare nuovi pensieri.
Libero di lasciar andare quello che non mi serve più.
Libero di chiudere i cerchi.
Libero di esprimere appieno le mie potenzialità.
Libero di essere me stesso.

[ Libero di essere Felice ]

Se stai pensando di essere libero forse ti stai sbagliando o forse intendiamo due cose diverse.

Libertà non è fare quello che ci pare, anche, ma quello che intendo qui è che ci sono tanti meccanismi che ci tengono fermi e che limitano la nostra libertà.

Sono meccanismi  inconsci e ben radicati dentro di noi: conoscerli per superarli, è una delle chiavi per crescere, per creare e per essere più felici.

Chiudendo: il coaching è un processo attraverso il quale si cerca un’espansione della persona. Questo può e deve essere, sempre, il primo obiettivo del coaching.

La crescita o espansione saranno poi la base per  raggiungere altri obiettivi più specifici e misurabili .

La vita è un continuo fluire , ma noi siamo esseri che tendono alla staticità.

Così il coaching risponde a questa domanda:

è possibile fluire con il cambiamento ? 

Se senti la spinta a metterti in viaggio, vuoi saperne di più e iniziare a fare la mia conoscenza, contattami senza indecisione 😊, non sai cosa potrà succedere, mentre sai benissimo cosa succede se continui a non fare niente. 

Paride Galavotti

Cell. 3332208735

mail. coaching@effettozen.com

Skype. paridegalavotti