DARSI IL PERMESSO di vivere anche ciò che giudichiamo negativo [ Relazioni Dinamiche ]

DARSI IL PERMESSO di vivere anche ciò che giudichiamo negativo.

Molte persone che iniziano dei percorsi di crescita hanno come obiettivo che si vogliono liberare da qualcosa: da un atteggiamento, da un comportamemto, da uno stato d’animo persistente ( almeno ai loro occhi ) o da qualche emozione negativa ( anche se le emozioni sarebbero neutre, negativa/positiva è un’etichetta nostra).

darsi il permesso

Facciamo un esempio: mi voglio liberare della pesantezza e, di conseguenza, voglio sentirmi e/o sperimentare la leggerezza.

Ci si può provare, si possono usare tecniche di vario tipo come mantra, visualizzazioni e/o controllo dei pensieri.

Si possono indagare le cause della pesantezza, si possono indagare anche i nostri pensieri riguardo alla pesantezza e sul perché la giudichiamo negativamente.

Insomma si possono fare tante cose per provare a spostarsi da un opposto all’altro, ma quello che succede più facilmente è che, scappando da un opposto, non facciamo altro che tirarcelo dietro sottotraccia.

La leggerezza non sarà mai veramente tale se sotto sotto la pesantezza la inquina, diciamo così.

É come avere un bel laghetto di acqua limpida in superficie che però è inquinata perché nella falda sono presenti sostanze nocive.

L’acqua ci sembra pulita, ma non lo è.

Una persona si atteggia e si mostra leggerra, ma non lo è.

Allora cosa voglio dire in questo breve articolo?

Un cosa semplice, ma allo stesso tempo difficile:

darsi il permesso di essere pesanti, di essere anche pesanti.

darsi il permesso

Non è la pesantezza ad essere il problema, ma è il tuo resistere ad essa che la rende “pesante”.

Non potrai mia essere veramente leggero ( felice, gioiso, ect etc etc ) se non accetti prima di essere anche pesante ( triste, cupo, etc etc etc).

Datti il permesso di essere quello che rifiuti di essere, totalmente e senza giudizio.

darsi il permesso

Paride.

relazionidinamiche@effettozen.com

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.